Soprannome

da Pokémon Central Wiki, l'enciclopedia Pokémon in italiano.
Jump to navigation Jump to search
Farfinco.png
Questo articolo è incompleto. Se puoi, modificalo aggiungendo le sezioni mancanti o completandolo.
Nello specifico: spin-off.
La schermata della scelta del soprannome di un Pokémon

Un soprannome è un nome dato al Pokémon dal suo Allenatore originale. Ogni volta che un giocatore cattura, fa schiudere o riceve un Pokémon nei giochi della serie principale, può scegliere di soprannominare il Pokémon con un nome diverso da quello della specie. Al di fuori del gioco, Pokémon soprannominati appaiono anche nell'animazione e in diversi manga. I soprannomi servono a personalizzare il Pokémon e a distinguerlo dagli altri della stessa specie.

Nei giochi

I giocatori hanno la possibilità di soprannominare i loro Pokémon dopo averli ottenuti in qualsiasi modo ad eccezione di quelli ricevuti tramite scambio o evento, per esempio dopo averli ricevuti da un PNG, facendoli schiudere da un uovo o catturandoli con una Poké Ball. L'unico modo per cambiare il soprannome in un secondo momento è rivolgersi al Giudice Onomastico, tranne per i Pokémon esterni; l'unica eccezione è Pokémon: Let's Go, Pikachu! e Let's Go, Eevee!, in cui il soprannome di un Pokémon può essere cambiato direttamente dal menù. Fino a Pokémon Spada e Scudo solo l'Allenatore Originale aveva questa possibilità, mentre da quei giochi in poi è possibile dare un soprannome anche ai Pokémon esterni parlando con Jack, ma solo a patto che il Pokémon non abbia già un soprannome e che il suo nome attuale sia nella stessa lingua della partita del giocatore.

In quinta e settima generazione, premendo sullo sprite del Pokémon nello schermo di scrittura del soprannome sostituisce il testo inserito col nome della specie del Pokémon. In sesta generazione questa azione sostituisce il testo inserito con il soprannome corrente del Pokémon o con il nome della specie (se non ha un soprannome).

Limiti dei soprannomi

Dalla prima alla quinta generazione i soprannomi potevano ssere composti al massimo da dieci caratteri, cinque nei giochi giapponesi e coreani. A partire dalla sesta generazione il massimo dei caratteri utilizzabili è stato aumentato rispettivamente a 12 e 6 (quest'ultimo è anche il massimo di caratteri utilizzabili nei giochi in lingua cinese).

Questi caratteri sono a loro volta limitati dalla tastiera virtuale dei giochi. I caratteri utilizzabili sono stati espansi col passare delle generazioni: in prima generazione non era possibile inserire i numeri nei soprannomi, mentre nelle generazioni successive sono stati addirittura introdotti simboli non alfanumerici. Inizialmente, i giochi Pokémon utilizzavano un sistema di codifica dei caratteri proprietario, ma nei titoli per Nintendo Switch e nelle app per dispositivi mobili viene utilizzato il sistema di codifica dei caratteri della piattaforma utilizzata.

I Pokémon scambiati non possono essere soprannominati fino a che non ritornano nel loro gioco originale; se il Pokémon scambiato non può essere rimandato indietro, non potrà mai più essere soprannominato. Se portato da un giudice onomastico, questi dirà che il nome è "perfetto" e si rifiuterà di cambiarlo, per mantenere la scelta fatta dall'Allenatore Originale. In terza generazione il gioco controlla numero ID Allenatore e ID segreto per verificare se il Pokémon sia originario del gioco oppure se è esterno; in quarta generazione controlla solo l'id Allenatore, mentre a partire dalla quinta generazione controlla ID Allenatore, ID segreto, nome e sesso dell'Allenatore Originale.

Per quanto riguarda i soprannomi dei Pokémon scambiati da un gioco di terza generazione internazionale a uno giapponese, le lettere verranno sempre accorciate automaticamente a cinque; per esempio, un Treecko chiamato "Rillino" nel gioco inglese verrà riconosciuto "Rilli" dal gioco giapponese. La stessa cosa succede anche per i Pokémon senza soprannome: per esempio, un Pikachu trasferito a un gioco giapponese verrà riconosciuto come "PIKAC". In modo simile, se un Pokémon sarà scambiato tra giochi di lingue diverse in terza generazione, quando i Pokémon non hanno gli stessi nomi, il nome straniero sarà riconosciuto come un soprannome e sarà mantenuto anche dopo l'evoluzione. Per esempio, se un Karpador tedesco sarà scambiato a una copia italiana di Rosso Fuoco e Verde Foglia e successivamente si evolverà, Gyarados sarà chiamato lo stesso "KARPADOR" anche se non era stato soprannominato inizialmente, e il giocatore della copia italiana non sarà in grado di cambiare soprannome: si potrà solo trasferendolo di nuovo nel gioco tedesco. Questo errore è sempre stato risolto dalla quarta generazione, dove il nome assunto dal Pokémon sarà quello della sua specie (dopo l'evoluzione) nella lingua del gioco in cui si è evoluto. In ottava generazione otterrà invece il nome della specie nella lingua di origine.

In Colosseum e Pokémon XD, un Pokémon Ombra non può essere soprannominato se non è stato purificato. I Pokémon selvatici catturati in una Riserva in XD possono essere soprannominati normalmente.

A partire dalla quinta generazione, il gioco riconoscerà quando il soprannome è un turpiloquio, e non permetterà al giocatore di usarlo. Tuttavia, il Pokétrasporto non impedirà ai Pokémon con soprannomi volgari di essere trasferiti. Questa lista è interna al gioco in quinta generazione, mentre è interna direttamente alla console a partire dalla sesta generazione. Se un Pokémon con un soprannome proibito viene trasferito mediante Pokétrasferitore, il nome verrà rimosso e gli verrà automaticamente assegnato il nome della specie.

In quinta generazione il soprannome di un Pokémon può contenere al massimo 4 caratteri numerici, mentre dalla sesta in avanti può contenerne al massimo 5. Pokémon di generazioni precedenti possono superare questo limite. Il trasferimento a una generazione successiva non comporterà alcun cambiamento nel soprannome.

Effetti del soprannome

Il soprannome di un Pokémon è un elemento di personalizzazione facoltativo, e solitamente non ha conseguenze sul gameplay. Ci sono tuttavia alcuni casi in cui soprannominare un Pokémon causa dei piccoli cambiamenti nei giochi.

In Pokémon Stadium e Pokémon Stadium 2, i Pokémon con un soprannome hanno una possibilità di avere una colorazione diversa, differente da quella della loro versione cromatica. Questa differenza nella colorazione non è stata ripetuta nei giochi successivi.

A volte, in Rubino e Zaffiro, Smeraldo, quando il giocatore fa cambiare nome a un suo Pokémon dal Giudice Onomastico, l'Hoenn TV riporterà il soprannome scelto. Il giudice commenterà sempre positivamente la scelta del soprannome, anche se il giocatore decide di lasciare il soprannome invariato. Quando i record vengono mischiati con un altro file di salvataggio, la televisione potrebbe riportare anche le scelte del soprannome dell'altro Allenatore.

Pokémon con soprannomi "inappropriati" nei video lotta possono essere mostrati senza un soprannome: uno Staraptor chiamato impropriamente, per esempio, potrebbe avere il suo soprannome convertito a "STARAPTOR". Non è risaputo se questa censura sia automatica o se venga applicata caso per caso da Nintendo.

In Nero 2 e Bianco 2 viene conferito un Premio al giocatore dopo aver assegnato 10 soprannomi ai suoi Pokémon.

In Pokémon Rubino Omega e Zaffiro Alpha uno dei requisiti per trovare Regigigas è avere in squadra un Regice con un soprannome.

Personaggi non giocabili e soprannomi

Dei PNG con Pokémon soprannominati sono abbastanza rari, e mai incontrati nelle lotte. Tuttavia, tutti i Pokémon ottenuti da scambi nel gioco hanno soprannomi, così come i Pokémon usati dai Coordinatori in terza, quarta e sesta generazione, ad eccezione del Milotic di Adriano. A partire dalla quinta generazione, alcuni PNG usano in lotta il Pokémon ricevuto dal giocatore dopo uno scambio nel gioco, il quale avrà mantenuto l'eventuale soprannome.

Oltre all'effetto del cambio dei colori, un'altra caratteristica di Pokémon Stadium è la presenza di soprannomi tra i Pokémon incontrabili. Inoltre, i Pokémon soprannominati dal Team Rocket hanno numeri nel loro soprannome (cosa impossibile all'epoca).

In Sole e Luna, Ultrasole e Ultraluna, Lylia chiama il Cosmog con cui viaggia Nebulino.

Nell'animazione

Il Pikachu di Richie, soprannominato Sparky

Nella serie animata

Come nei giochi, soprannominare un Pokémon è opzionale. È abbastanza raro che dei personaggi principali abbiano soprannominato i loro Pokémon, lasciando il posto ai personaggi che appaiono solo in un episodio. Spesso, questi personaggi possiedono più Pokémon della stessa specie e li soprannominano per non confonderli tra di loro, come visto in Il cow boy. Altre volte, il soprannome serve per guidare la trama, come in Oh Pokémon, perché sei tu Pokémon?.

I personaggi principali che possiedono Pokémon soprannominati sono:

Nel manga

In Pokémon Adventures

Almeno due possessori di Pokédex in ogni regione danno un nome ai loro Pokémon. Molto spesso, nella versione inglese, l'Allenatore o l'Allenatrice soprannomina i suoi Pokémon seguendo un andamento particolare: ad esempio, Cristallo usa il suono "-ee" al termine della maggior parte dei suoi soprannomi, mentre Oro aggiunge il suffisso "-bo" alla fine dei nomi. Anche diversi altri personaggi soprannominano i loro Pokémon, come ad esempio Brock, che nella versione inglese usa per i suoi sei Geodude dei nomi basati sui numeri, da Geoone a Geosix.

A differenza dei giochi, il nome di un Pokémon può essere modificato quando il proprietario di detto Pokémon cambia. Esempi includono la Castform di Pierangelo Petri, che viene rinominata Popo da Rubino, il Gengar di Cetrillo, che viene rinominato Garma da X e il Rhyhorn di Primula, che viene rinominato Rhyrhy da Y. Inoltre, un soprannome può essere rimosso dall'Allenatore attuale del Pokémon, come nel caso della Kingdra di Argento, che prima di entrare in suo possesso era stata soprannominata Horsy da Verde.


Info
Vedi anche
Esplorazione
Allenamento
Connettività
Altre meccaniche