Rovine di Solarosa

da Pokémon Central Wiki, l'enciclopedia Pokémon in italiano.
Rovine di Solarosa
Oldale Ruins
コトキ遺跡 (Rovine di Kotoki)
Rovine di Solarosa.png
Le Rovine di Solarosa
Debutto

Le Rovine di Solarosa sono un gruppo di rovine esclusive dell'anime nella regione di Hoenn. Si trovano vicino a Solarosa e compaiono in Le antiche rovine.

L'archeologo che si occupa dello studio delle rovine è il Professor Alden, che ha letto che qui esiste una camera di pietra che la leggenda vuole sia un "ponte od un portale tra il nostro mondo e quello antico dei Pokémon". A causa della sua strana costruzione, crolla ogni qual volta che qualcuno prova ad entrare, anche se la tavoletta di pietra che possiede il Professor Alden parla di quattro chiavi che permettono l'ingresso nella camera senza pericolo di crolli.

Durante Le antiche rovine, le reclute del Team Magma minacciano il Prof. Alden per avere le "quattro chiavi", che in realtà sono quattro sfere. Lo costringono ad applicarle sulla porta della camera nell'ordine corretto per potervi entrare. La prima stanza è piena di intagli sulle pareti che parlano dell'antico mondo, mentre una seconda scala nascosta conduce ad un lago sotterraneo pieno di Relicanth.

In altri media

Le Rovine di Solarosa sono basate sulla Tomba Antica e sulle altre rovine dove possono essere catturati i tre Golem leggendari. La stanza di pietra nel mezzo delle Rovine di Solarosa potrebbe essere basata sulla Sala Incisa che sblocca le tombe dei Regi nei giochi.

Nel manga Pokémon Adventures, le istruzioni nella Sala Incisa si trovano su di una tavoletta di pietra rovinata, quasi come nell'anime.

Curiosità

  • La tavoletta di pietra da dove il Professor Alden è venuto a conoscenza della camera di pietra è molto simile a quella che parla della leggenda di Pokémopoli. Stranamente, quell'episodio è andato in onda esattamente quattro anni prima.
  • La porta sigillata che conduce al lago sotterraneo assomiglia molto a quella che conduce alla tomba del Re di Pokélantis, in un episodio che andrà in onda quattro anni dopo.

In altre lingue