Shiro

da Pokémon Central Wiki, l'enciclopedia Pokémon in italiano.
Shiro

Shiro è un personaggio del giorno di I lottatori!.

Storia

Shiro si presenta un giorno al dojo di Kenzo, dicendo di voler lottare e diventare uno shihan. Dice il suo nome e spiega che è venuto a sfidare lo shihan del dojo in una lotta Pokémon. Shiro, come spiegato da un'adirata Chigusa, è un Allenatore Pokémon che sfida i dojo di lotta chiamandosi il "Distruttore di Dojo". Quando un Distruttore di Dojo sconfigge gli shihan, lui o lei vince la placca appesa sulla porta dei dojo. A questo punto, Shiro possiede undici placche e desidera ottenere la dodicesima. Il suo scopo è quello di aprire, una volta tornato a casa, un suo personale dojo di Pokémon di tipo Lotta e vuole che i suoi studenti lo rispettino.

Lo shihan del dojo visitato da Shiro, Kenzo, è troppo vecchio per lottare. Kenzo non vuole che sua nipote Chigusa possa diventare la prossima shihan ma, visto che non può accettare la sfida, le permette di affrontare Shiro. Alla fine, la ragazza batte Shiro usando il suo Hitmontop. Il ragazzo allora dice a Kenzo che ha capito come mai il suo dojo possiede un'eccellente reputazione, con il vecchio che gli risponde che è stato benevolo nella sconfitta.

Pokémon

Questa è la lista dei Pokémon conosciuti di Shiro nell'anime:

Hitmonlee 
Shiro Hitmonlee.png
Debutto: I lottatori!
Doppiatore inglese: Michael Haigney

Hitmonlee è l'unico Pokémon conosciuto di Shiro, che lo usa per sfidare Kenzo per la placca del dojo ma, visto che l'uomo è troppo anziano e acciaccato per poter lottare, Chigusa prende il suo posto e lo affronta con il suo Hitmontop. Il match viene interrotto, tuttavia, dal Team Rocket, che cerca di rapire i Pokémon, con il Sonnifero del Victreebel di James che addormenta Hitmonlee. La sfida viene posticipata. Durante la rivincita, Hitmonlee viene sconfitto da Hitmontop.

Le mosse conosciute di Hitmonlee sono Calciorullo, Doppiocalcio, Calciosalto e Calcinvolo.

Doppiatori

Curiosità

  • Il nome di Shiro si è leggermente perso nella traduzione, visto che Ji deriva da Shi con un marchio diacritico.