Leggenda di Ninetales

da Pokémon Central Wiki, l'enciclopedia Pokémon in italiano.

201PEMS7.pngAttenzione: spoiler! Questa sezione può contenere rivelazioni sulla trama.201PEMS7.png

Ninetales

La leggenda di Ninetales è una leggenda millenaria raccontata da Whiscash in Pokémon Mystery Dungeon: Squadra Rossa e Squadra Blu.

Leggenda

Secondo la leggenda, un avido Allenatore entrò in un dungeon sacro, conosciuto per contenere molti Pokémon rari. L'allenatore incontrò un Ninetales a cui avrebbe afferrato una delle sue code. Per questo suo gesto l'allenatore avrebbe dovuto ricevere una maledizione, tuttavia venne protetto dal suo Gardevoir che decise di ricevere al suo posto la maledizione, spaventando il Ninetales. L'allenatore, inorridito, decise di scappare per paura della maledizione. Ninetales disse a Gardevoir che il suo allenatore si sarebbe trasformato in un Pokémon e che avrebbe portato il mondo dei Pokémon incontro a molti disastri naturali.

In Pokémon Mystery Dungeon: Squadra Rossa e Squadra Blu

Quando si incontra Xatu alla Vetta Ancestrale, quest'ultimo racconterà la leggenda al giocatore.

Gengar, tuttavia, intercetta la conversazione del giocatore e di Xatu, dicendo in pubblico chi è l'allenatore della leggenda, e che è lui la causa dei disastri naturali che avvengono. Il pubblico è scioccato ed insegue il giocatore ed il suo partner fuori città.

Dopo esser fuggiti per molto tempo, i due incontrano il Ninetales e decidono di chiedergli la verità. Ninetales rivela al giocatore, ed al Team A.C.T., che li aveva appena raggiunti, che lui non è l'allenatore maledetto. Di conseguenza Gengar viene trattato come un bugiardo, mentre al giocatore ed al partner viene concesso di tornare a Piazza Pokémon. Gengar verrà poi cacciato.

Nell'epilogo viene viene rivelato che in verità l'allenatore maledetto è proprio Gengar.

Testo della leggenda

Questa è la versione della leggenda raccontata da Whiscash.

Un tempo viveva un Pokémon chiamato Ninetales.
Ninetales aveva molte code ed ognuna era dotata di un potere psichico.
Secondo la leggenda, chi avesse osato toccare una di queste code sarebbe stato maledetto per mille anni.
Un giorno qualcuno osò toccare una coda. Questo qualcuno era un essere umano.
[…]
Com'era prevedibile la maledizione millenaria scese su questo essere umano.
Ma nel momento in cui la maledizione venne lanciata, un Pokémon chiamato Gardevoir gli fece da scudo…
E si sacrificò prendendo su di sé la maledizione.
[…]
Ninetales provò pietà per Gardvoir, e pertanto domandò all'essere umano:
“Desideri salvare Gardevoir?”.
Ma quell'essere umano era già fuggito abbandonando Gardevoir a suo destino.
Ninetales fu profondamente deluso dal comportamento dell'essere umano…
E fece una profezia:
“Quell'essere umano un giorno rinascerà Pokémon…”.
[…]
“E quando l'essere umano diventerà un Pokémon…”.
“L'equilibrio naturale sarà sconvolto…”.

In Pokémon Mystery Dungeon: Ginji's Rescue Team

In Pokémon Mystery Dungeon: Ginji's Rescue Team, la leggenda di Ninetales, viene spiegata del tutto nel terzo capitolo.

Secondo questa versione della leggenda, coloro i quali toccano una delle code di Ninetales, veranno maledetti per mille anni. Un giorno, un umano decide di toccare una delle code di Ninetales per divertimento. Quando Ninetales infligge la maledizione all'umano, il suo Gardevoir decide di fargli da scudo e prendere la maledizione al suo posto. Dunque Ninetales chiede all'umano se vuol salvare il suo amico ma, invece, l'uomo scappa e abbandona Gardevoir. Di conseguenza, Ninetales fa una profezia — dopo mille anni, l'umano si sarebbe reincarato come Pokémon ed avrebbe distrutto il mondo. Viene spiegato da Gengar, che Ginji è l'umano, reincarnato come Torchic. Tuttavia nel quinto capitolo, Ninetales rivela che è Gengar l'umano reincarnato, e non Ginji.

In altre lingue