Festival dell'arcobaleno

da Pokémon Central Wiki, l'enciclopedia Pokémon in italiano.

Il festival dell'arcobaleno è un festival che si tiene ogni anno a Cocona. Compare nel gioco Pokémon Ranger: Tracce di luce.

La danza dei Pichu al festival arcobaleno

Le leggende di Oblivia raccontano che il calice arcobaleno aiutò l'Eroe di Oblivia a salvare il mondo. Da allora, a Cocona vi è l'usanza di organizzare ogni anno un festival proprio in onore dell'Eroe e del calice arcobaleno. Durante il festival sono presenti musica e fuochi artificiali e tutto il villaggio si riunisce per ballare e partecipare agli altri eventi del festival, e negli ultimi anni i Pichu di Dolcegoccia hanno ballato la danza dell'arcobaleno con l'accompagnamento musicale di Pichu Ukulele. L'evento più atteso del festival è però la ricerca del calice arcobaleno. In questo evento una o più persone devono superare la prova dell'Eroe nella Grotta Lima per poter ottenere il calice e avere l'onore di sollevarlo sull'Ara arcobaleno che si trova al centro di Cocona. La prova dell'Eroe consiste in un puzzle simile a quelli della Palestra di Ceneride, in cui il giocatore deve partire da una casella e arrivare ad un'altra passando una sola volta per ogni casella della griglia.

Il festival dell'anno in cui è ambientato Pokémon Ranger: Tracce di luce ha rischitao di essere cancellato per via dei Bricconieri di Pokémon. Dato che sono stati il giocatore e il partner a fermarli e a permettere il normale svolgimento del festival, a loro viene assegnato il prestigioso incarico dell'Eroe che va alla ricerca del calice arcobaleno, incarico che l'anno precedente era spettato ad Otello. In quegli anni è Nando che aspetta nella Grotta Lima per spiegare all'Eroe le regole della prova e consegnargli il calice una volta che l'abbia superata. Maya è la presentatrice del festival dell'anno in cui è ambientato Pokémon Ranger: Tracce di luce, ed è perciò lei che annuncia pubblicamente gli Eroi di quell'anno, che invita il giocatore sull'Ara arcobaleno a sollevare il calice e che introduce la danza dei Pichu.