Saga di Pokémon Stadium

da Pokémon Central Wiki, l'enciclopedia Pokémon in italiano.
Il logo di Pokémon Stadium

La Saga di Pokémon Stadium è una serie di spin-off dei giochi Pokémon rilasciata durante la prima e la seconda generazione, e compatibile con i giochi di quel periodo. Nei giochi di questa serie i giocatori possono trasferire i Pokémon dai loro Game Boy per farli combattere in 3D, con varie modalità, famose come Modalità Stadium, con varie tipologie di allenatore da battere, ed il Castello del Capopalestra, con il Capopalestra, i Superquattro e il Campione delle rispettive generazioni (prima e seconda).

Ci sono tre giochi nella saga:

Quando la terza generazione fu rilasciata, in molti si aspettavano un terzo (quarto, in Giappone) capitolo della saga, completato con il Castello dei Capipalestra di Hoenn. Tuttavia, ciò non accadde, e, al posto di questo mai uscito capitolo, uscirono due GDR (Giochi di Ruolo) Pokémon: Pokémon Colosseum e Pokémon XD, con un sistema di archiviazione separato, Pokémon Box Rubino e Zaffiro. Nel senso più elementare, la serie arrivò al termine. Tuttavia, con l'avvento della quarta generazione, Pokémon Battle Revolution riportò alla luce molte delle caratteristiche della saga di Pokémon Stadium, come il Trofeo Mini, la divisione in turni e i Pokémon premio. Tuttavia, non vi è nè un Castello del Capopalestra con i Capipalestra di Sinnoh, né tantomeno un sistema di archiviazione o una modalità con minigiochi.

Nonostante la serie sia finita, l'arena di Pokémon Stadium appare in un livello di Super Smash Bros. Brawl e di Super Smash Bros. Melee.

Curiosità

  • La serie dei Pokémon Stadium è la prima serie ad assegnare un colore ad ogni tipo elementale. I colori usati in Stadium differiscono da quelli messi sucessivamente in Pokémon Rubino e Zaffiro (Es: In Stadium il tipo fuoco era arancione, mentre in Rubino e Zaffiro è rosso).